GIULIO CARPI

 

CHI SIAMO

CONOSCERE DON BOSCO

 

BOLOGNA

ClarisseScigliano

 

Parrocchiando

se vuoi vivere bene l'oratorio devi leggere,far tuo e seguire alla lettera il VANGELO

INVITO AGLI ANIMATORI

 

vita in oratorio

ATTIVITA'

 

DONBOSCO LAND

YOUTUBE

APRE L'ORATORIO

SACERDOTI CALCIO

 

Hannibal onlus e l'Inno "Stop and go" di Gela

Conferenza animata :La creatività non può più essere relegata all’espressione artistica od al genio inventivo o “laterale” ma fa parte costituente della nostra vita quotidiana, dono innato di ogni persona, propria di un uso più concertato degli emisferi del nostro cervello.La creatività diventa quindi un modo di essere, di vivere, di porsi di fronte alla realtà, la modalità più vera ed autentica di realizzarsi della persona nella sua unicità ed originalità. Perché? Come mai? E’ giusto parlare di “una sola creatività” o ne esistono diverse? Giulio Carpi

ANIMAZIONE GIOVANILE FRATI MINORI SICILIA

AMICI FRANCESCANI PROPONE UNO SCHEMA DI ORGANIZZAZIONE DI UN ORATORIO

consigli x aprire un oratorio.....

APRE L'ORATORIO

INVITO AGLI ANIMATORI

ATTIVITA'

vita in oratorio

Pastorale giovanile

San Paolo

LE STUOIE ASSISI

ATTIVITA' PORZIUNCOLA

 

"Vi sono diversità di carismi, ma uno solo è lo Spirito; vi sono diversità di ministeri, ma uno solo è¨ il Signore "(1Cor 12,4-5)

<<… Come infatti il corpo, pur essendo uno, ha molte membra e tutte le membra, pur essendo molte, sono un corpo solo, così anche Cristo. Ora il corpo non risulta di un membro solo, ma di molte membra. Se il piede dicesse: “Poiché io non sono mano non appartengo al corpo”, non per questo non farebbe più parte del corpo. E se l’orecchio dicesse: “Poiché io non sono occhio, non appartengo al corpo”, non per questo non farebbe più parte del corpo. Se il corpo fosse tutto occhio, dove sarebbe l’udito? Se fosse tutto udito, dove sarebbe l’odorato? Ora, invece, Dio ha disposto le membra in modo distinto nel corpo, come egli ha voluto. Se poi tutto fosse un membro solo, dove sarebbe il corpo? Invece molte sono le membra, ma uno solo è il corpo. Non può l’occhio dire alla mano: “Non ho bisogno di te”; né la testa ai piedi: “Non ho bisogno di voi”. Anzi quelle membra del corpo che sembrano più deboli sono più necessarie; e quelle parti del corpo che riteniamo meno onorevoli le circondiamo di maggior rispetto, e quelle indecorose sono trattate con maggior decenza, mentre quelle decenti non ne hanno bisogno. Ma Dio ha composto il corpo, conferendo maggior onore a ciò che ne mancava, perché non vi fosse disunione nel corpo, ma anzi le varie membra avessero cura le une delle altre.>> 1 Cor 12, 12.14-25

"sto molto male,ma prima della medicina voglio accostarmi alla Santa Eucarestia " (da famiglia paolina)

Servo di Dio Maggiorino Vigolungo

HOME